Fenagifar
menu

Vaccini in farmacia: una nuova sfida per il primo presidio sanitario del cittadino

Da febbraio 2020, ossia da quando la pandemia dovuta al Covid-19 è tristemente entrata a far parte delle nostre vite, la farmacia e i farmacisti sono sempre stati in prima linea nella lotta al virus.

Non solo continuando ad erogare un servizio fondamentale per il cittadino, ma anche assistendo moralmente i pazienti: un incoraggiamento fondamentale per contrastare l’inevitabile sconforto.

Già dai primi mesi del 2021, le svolte normative epocali hanno gettato le basi sulle nuove competenze professionali, quali ad esempio quella del farmacista vaccinatore.

Fin da subito i colleghi che hanno scelto di aderire al relativo percorso formativo promosso dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), si sono adoperati per trovare la piena applicazione territoriale: dagli spazi adeguati e adatti alla somministrazione, al fine di garantire la miglior erogazione possibile, alla piena comprensione degli aspetti gestionali ed amministrativi.

Senza dubbio, la risposta dei pazienti non si è fatta attendere: nel solo Lazio, in appena tre ore, sono state circa quindicimila le prenotazioni.

Un dato altamente prevedibile: per il cittadino, il farmacista è una figura sempre presente nel quotidiano, e nel momento del bisogno diviene un vero e proprio confidente, che può dare sostegno e conforto garantendo preziosi servizi e giusti consigli.

Sono oltre 600 le farmacie del Lazio che stanno partendo con le somministrazioni di vaccini anti-Covid, a cui a breve se ne aggiungeranno altre portando il numero totale dapprima ad 800 ed infine a 1000, rendendole ancora più capillari nella lotta al virus.

L’organicità di questa iniziativa permetterà di portare il sistema vaccinale ad un livello più ordinario con la chiusura degli hub, trasferendo progressivamente il totale operato alla rete di farmacie e ai medici di base.

Ancora una volta, i farmacisti non si fermano e dimostrano di dare il proprio contributo nella lotta alla pandemia con ogni mezzo a disposizione, confermandosi fedeli interpreti del percepito territoriale, anche nelle situazioni più difficili.

 

A cura del Dott. Riccardo Bernazza